Il TUO ambiente

Casa. Lavoro. Luoghi di aggregazione.
E' in questi contesti che si svolge la vita quotidiana di ogni persona. Per questa ragione, il percorso di salute deve tenere in fondamentale considerazione gli spazi e le abitudini di vita. Anche per questo svolgo la mia attività in via preferenziale in ambito domiciliare.
Ogni evento sintomatico ed ogni deficit funzionale, infatti, qualsiasi ne siano le cause (evento traumatico, intervento chirurgico, condizione neurologica), rappresenta un fattore che va ad alterare abitudini e stili di vita, e con essi anche la dimensione emozionale psicologica e sociale della persona.

L'approccio bio-psico-sociale

Nella prospettiva medica più recente, il professionista sanitario è chiamato a "vedere" la condizione per la quale la persona gli si rivolge tenendo in considerazione tutti i diversi aspetti che possono avere una ricaduta sulla condizione stessa, non solo quelli strettamente biologici o anatomici. La dimensione psicologica (come la persona vive la propria malattia, la capacità di affrontare e gestire il dolore, il supporto familiare) così come quella sociale (l'accesso o meno a determinati percorsi di cura, le ricadute sul tenore di vita, l'importanza delle attività del tempo libero che la condizione va a limitare) costituiscono per il percorso di salute fattori altrettanto determinanti dell'entità dell'evento fisico.

Una fisioterapia "ecologica"

L'approccio che contraddistingue la mia pratica professionale può riassumersi in fisioterapia ecologica. Il mio lavoro, infatti, è volto ad assecondare gli obiettivi e le aspettative della persona che muove all'interno di un ambiente (la casa, il paese, la famiglia, il lavoro, lo sport, le abitudini) e, anche grazie al mio intervento, cerca di ripristinare al suo interno uno stato di equilibrio.
 

Assistenza fisioterapica domiciliare da Mori a Cles. Studio a Taio presso gli Ambulatori Medici

The view that «my patients won’t understand» is wrong. They can and do understand – we just need to be better at explaining it.
[L’idea che «i miei pazienti non capiranno» è sbagliata. Possono e sono in grado di comprendere – siamo noi a dover trovare il modo di farci capire.]

G. Lorimer Moseley

Explaining Pain Supercharged